INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 
Il salento che lavora

Giovedì
21 Set 2017

San Matteo

Luna: 1 gg dopo
Luna Nuova

Facile è criticare, difficile è l'arte.
Meteo nel Salento: temp. 19 °C, Umid. rel. 68%, Maestrale (7.20 m/s, Vento moderato), press. 1017 hPa
 
 Home » I Comuni » Casarano » Palazzo d'Aquino
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Palazzo d'Aquino

Palazzo d'Aquino

Casarano le mensole del Palazzo

Meglio noto oggi come Palazzo De Lorenzi, è una delle costruzioni più maestose della cittadina salentina.

Costruito nella prima metà del XVI secolo per volontà del Duca Antonio D'Aquino, che qui voleva trasferirsi con la propria famiglia proveniente da Napoli, il palazzo, sorto sullo stesso luogo di un antico castello, presenta un prospetto di ben 120 metri ed è ornato da una lunga serie di mensole che avrebbero dovuto ospitare il balcone della sala grande del palazzo...

Tale costruzione, purtroppo, rimase incompiuta: ancora oggi si possono vedere porte murate e quella che doveva essere la sala più sontuosa fra quelle dei palazzi baronali del Salento, anch'essa mai completata; in effetti la famiglia D'Aquino, sul finire del 1700 ritornò a Napoli, lasciando per sempre Casarano.

Fra storia e leggenda...

Storie di paese, vecchi racconti sopravvissuti, chissà come, al tempo, hanno portato sino a noi una storia singolare...

Il palazzo, che per la sua mole, doveva essere sicuramente uno dei più grandi di quel tempo, aveva, nel progetto originario, la costruzione di una enorme sala abbellita, all'esterno, da un lunghissimo balcone, sorretto da ben 53 mensole, recanti ognuna un volto diverso e... brutto.

Fu proprio la diversità di quei volti e il loro aspetto... poco piacevole a solleticare la fantasia popolare: così, un bel giorno, qualcuno s'inventò che le facce delle mensole altro non erano che... i volti dei diavoli che, in una notte, avevano distrutto il vecchio castello e ne avevano eretto uno nuovo purtroppo, però, il sopraggiungere dell'alba aveva impedito ai diavoli di completare il lavoro e, ancora oggi, u casteddhu rimane, dopo quasi cinque secoli, ancora da completare e, forse, non lo sarà mai più...

Documento creato il 30/03/2004 (12:50)
Ultima modifica del 16/03/2011 (13:09)
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124