INFORMATIVA: Questo sito utilizza solo cookie tecnici per migliorare l'uso dei servizi da parte dei suoi utenti. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
   
 

Martedì
19 Set 2017

Gennaro

Luna: Fra 1 gg
Luna Nuova

Prudenza nel decidere, ma energia nell'eseguire.
Meteo nel Salento: temp. 25 °C, Umid. rel. 39%, Libeccio (5.66 m/s, Vento moderato), press. 1011 hPa
 
 Home » Torre San Giovanni
Contatta Japigia.comJapigia e' su facebook: clicca mi piaceSegui Japigia su TwitterRSSNews FeederCerca sul Circuito Japigia

Torre San Giovanni

Torre San Giovanni

A 25 Km a sud di Gallipoli giungiamo alla costa appartenente al comune di Ugento. Torre San Giovanni è un piacevole centro marittimo, amministrativamente frazione Ugentina e sede di un porticciolo per piccole imbarcazioni da diporto.

il porto di torre san giovanni

Origini antichissime

Le origini di questa piccola cittadina di mare potrebbero risalire a molti secoli prima di Cristo e non è azzardato pensare che sia stato il porto della Messapica Ozan (Ugento) già 500 anni prima della nascita di Cristo. Dopo la conquista romana del Salento, intorno al 260 a.C. Ugento divenne municipio romano ed i vantaggi di questo status interessarono anche il suo porto.

Sembra che la cittadella romana si estendesse oltre il faro, verso il mare; questa ipotesi è stata confermata da una campagna di scavi effettuata lungo questo breve tratto di costa nella cui poca sabbia è possibile ancora rinvenire frammenti dei cocci appartenuti ai tetti della cittadella.

il faro di torre san giovanni

Probabilmente un repentino mutare delle correnti ha provocato l'affondamento della cittadella romana e l'insabbiamento del suo porto. Le stesse correnti provocarono dei ristagni d'acqua che non tardarono, nel medioevo, a portar qui le febbri malariche.

Unico baluardo restò, nel '500, la torre di avvistamento, costruita più per necessità difensive che abitative; scomparso il pericolo dei turchi questi luoghi furono definitivamente abbandonati.

Il ventennio e le bonifiche

Bisognerà attendere il ventennio fascista e le imponenti opere di bonifica perché quasi tutto il territorio costiero ugentino fosse bonificato. Furono costruite grandi opere di canalizzazione e tre imponenti bacini di raccolta delle acque da qui sino a Torre Mozza. In questo modo, terre prima malsane furono messe a coltura ed il territorio, dopo quasi mille anni, risanato.

Lo sviluppo attuale di Torre San Giovanni come meta turistica è cominciato negli anni '70 con la costruzione di ville, appartamenti e casette. A questi si aggiunsero, ben presto, i primi alberghi.

Gli anni '80 hanno visto il recupero del porto che, protetto da tre isolotti, rappresentava un ottimo porto naturale. Tuttavia, le solite correnti continuano ad insabbiarlo, trascinando a riva ogni tipo di materiale, dalle montagne di poseidonia alla sabbia finissima; a questo si deve il caratteristico odore della "Martana" che diventa quasi insopportabile nelle giornate di scirocco.

Documento creato il 08/10/2005 (16:29)
Ultima modifica del 21/03/2011 (10:02)

 

Articoli collegati, per maggior approfondimento:

Altro su questo portale Internet:

  1. Memorie di un`estate,
    (http://www.japigia.it/docs/index.shtml?A=camper)
    Estate 2005: tempo di baldorie, di vacanze, di viaggi...
  2. I Messapi,
    (http://www.japigia.it/docs/index.shtml?A=messapi)
    I popoli antichi: i Messapi ed i Magni Greci

Fortune Cookie...

Per bisogno di buoi, s`ara con gli asini
No al ritorno del nucleare!
Japigia di Paola Beatrice Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata e servizi turistici.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni, contatti, suggerimenti: Contattateci!
Copyright e info legge 62/01 - Privacy e Cookie
Partita I.V.A 03471880752 - R.E.A. CCIAA Le/224124